FILOSOFIA E TEOLOGIA
Sito ufficiale dell'Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET)
 
Autore   Paolo BOSCHINI
Titolo   Paura. Per un’antropologia nel tempo della crisi / Fear. An Anthropology in the Age of Crisis
Pagine   229 - 244
Abstract  

La fenomenologia della paura evidenzia lo stretto rapporto tra la porosità delle società odierne, l’insicurezza economica e le destre politiche. La paura «fuori controllo» è il riflesso nella vita quotidiana della complessità crescente della realtà. Emerge una tipologia antropologica che l’illuminismo aveva sottovalutato: «homo pavidus». Egli è portatore di due paure fondamentali: la paura per se stesso, che si coniuga con il tema dell’incolumità personale e della sicurezza sociale; la paura di se stessi, che è la percezione del proprio limite esistenziale. L’analisi della paura di se stessi è il punto di partenza di una filosofia della paura che liberi questa emozione fondamentale da frequenti strumentalizzazioni politiche.

Parole chiave: fenomenologia, antropologia della paura, filosofia della paura

The phenomenology of fear highlights the close relationship between the porosity of today's society, economic insecurity and political right wings. «Out of control» fear is the fallout in everyday life of the growing complexity of reality. An anthropological typology that the Enlightenment had underestimated emerges: «homo pavidus». He is the bearer of two fundamental fears: the fear for himself, which is linked to the themes of personal safety and social safety, and the fear of himself, which is the perception of his own existential limit. The analysis of self-fearis the starting point of a philosophy of fear that frees this fundamental emotion from frequent political exploitation.

Keywords: phenomenology, anthropology of fear, philosophy of fear

     
opzioni  
|
 
 
 
 
   
Andreas Gonçalves Lind SCHOEPFLIN Schoepflin L’OPZIONE PER IL «LOGOS» NEL PONTIFICATO DI FRANCESCO
L'opzione per il logos in Francesco non rappresenta soltanto l'opzione della Chiesa primitiva per la filosofia, per la ragione universale, ma anche il tentativo, da parte della stessa comunità
Europa cura te ipsam! Europa cura te ipsam! Scritti in onore di Rémi Brague “In quanto filosofo di mestiere, appartengo a quella razza di gente un po’ ottusa ‘a cui bisogna veramente spiegare tutto’, anche le cose più chiare come l’Essere, il Bene, lo Stato, l’Uomo, e qualche altra presunta evidenza. Comincerò dunque ponendomi quella che è la domanda più ingenua, la domanda socratica, ‘che cos’è?’, a proposito dell’Europa”. Così il filosofo francese Rémi Brague scriveva all’inizio del celebre lavoro Europe. La voie romaine all’incirca una trentina di anni fa, libro destinato poi a divenire un classico e ad essere tradotto in oltre quindici lingue. E l’Europa torna ad essere ancora oggi un tema discusso. Con l’occasione di questa Festschrift abbiamo proprio scelto di collocare al centro della riflessione l’Europa, ciò che significa oggi, con i suoi lati positivi e le sue criticità. Seppur questo resti il tema principale sono anche accette riflessioni in merito a differenti aspetti del suo pensiero. Questo perché tutto il pensiero di Brague nasce sempre da una realtà viva, che interroga l’uomo di oggi. Il filosofo francese si pone come un pacato interlocutore al quale sono cari tutti i dettagli. In questa collettanea ci impegniamo perciò a raccogliere scritti di studiosi che hanno incontrato il pensiero di Brague. Sono dunque accetti saggi sia che propongono una analisi del suo pensiero o di un singolo aspetto a partire dalla sua produzione, sia una rielaborazione o una critica. Il saggio può essere scritto in lingua italiana, inglese, francese o spagnola, deve contenere un breve abstract in lingua inglese, e avere una lunghezza di minimo 4.000 massimo 8.000 parole. CFP Nuovo Giornale di Filosofia della Religione Data di consegna: 1 gennaio 2021 Si invita a trasmettere il testo in .odt o .doc a: elisa.grimi@gmail.com