FILOSOFIA E TEOLOGIA
Sito ufficiale dell'Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET)
 
Autore   Ugo PERONE
Titolo   Varianti della paura. Una possibile storia della modernità / Variations of Fear. A Possible History of Modernity
Pagine   266 - 277
Abstract  

Il saggio ricostruisce l’importanza del sentimento della paura nel moderno, in particolare a partire da Hobbes e Descartes, e ne mostra le successive varianti di significato fino ai giorni nostri, dove l’apparente ridimensionamento della paura produce però nuovi mostri, come attesta il prevalere sociale del risentimento. Non si tratta tanto, questa la proposta conclusiva, di espungere la paura, che resta il risvolto negativo del rapporto con l’estraneo (mentre la meraviglia è quello positivo), quanto di guadagnare un rapporto più saldo con il presente, una positiva relazione con l’esistente che non cerchi di sfuggirne nella elusiva duplice direzione del passato o del futuro.

Parole chiave: il sentimento della paura nel moderno; varianti del significato della paura; paura e risentimento

The essay reconstructs the significance of the feeling of fear in modern times, especially after Hobbes and Descartes, as well as its subsequent variations in meaning up to today, when the apparent decrease of fear produces new monsters, as the social preponderance of resentment shows. The final proposal doesn’t aim at erasing fear, which is the negative side of our attitude towards the unknown (wonder being the positive one);rather, it suggests to establish a solid relation with the present. A relation, which doesn’t try to escape reality through a recourse to the past or the future.

Keywords: the significance of the feeling of fear in modern times, variations in the meaning of fear, fear and resentment

     
opzioni  
|
 
 
 
 
   
Andreas Gonçalves Lind SCHOEPFLIN Schoepflin L’OPZIONE PER IL «LOGOS» NEL PONTIFICATO DI FRANCESCO
L'opzione per il logos in Francesco non rappresenta soltanto l'opzione della Chiesa primitiva per la filosofia, per la ragione universale, ma anche il tentativo, da parte della stessa comunità
Europa cura te ipsam! Europa cura te ipsam! Scritti in onore di Rémi Brague “In quanto filosofo di mestiere, appartengo a quella razza di gente un po’ ottusa ‘a cui bisogna veramente spiegare tutto’, anche le cose più chiare come l’Essere, il Bene, lo Stato, l’Uomo, e qualche altra presunta evidenza. Comincerò dunque ponendomi quella che è la domanda più ingenua, la domanda socratica, ‘che cos’è?’, a proposito dell’Europa”. Così il filosofo francese Rémi Brague scriveva all’inizio del celebre lavoro Europe. La voie romaine all’incirca una trentina di anni fa, libro destinato poi a divenire un classico e ad essere tradotto in oltre quindici lingue. E l’Europa torna ad essere ancora oggi un tema discusso. Con l’occasione di questa Festschrift abbiamo proprio scelto di collocare al centro della riflessione l’Europa, ciò che significa oggi, con i suoi lati positivi e le sue criticità. Seppur questo resti il tema principale sono anche accette riflessioni in merito a differenti aspetti del suo pensiero. Questo perché tutto il pensiero di Brague nasce sempre da una realtà viva, che interroga l’uomo di oggi. Il filosofo francese si pone come un pacato interlocutore al quale sono cari tutti i dettagli. In questa collettanea ci impegniamo perciò a raccogliere scritti di studiosi che hanno incontrato il pensiero di Brague. Sono dunque accetti saggi sia che propongono una analisi del suo pensiero o di un singolo aspetto a partire dalla sua produzione, sia una rielaborazione o una critica. Il saggio può essere scritto in lingua italiana, inglese, francese o spagnola, deve contenere un breve abstract in lingua inglese, e avere una lunghezza di minimo 4.000 massimo 8.000 parole. CFP Nuovo Giornale di Filosofia della Religione Data di consegna: 1 gennaio 2021 Si invita a trasmettere il testo in .odt o .doc a: elisa.grimi@gmail.com