FILOSOFIA E TEOLOGIA
Sito ufficiale dell'Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET)
 
Autore   Alessandro POGGIALI
Titolo   Di fronte alle nostre odierne paure. Lettera di un non credente ad un amico sacerdote / Faced with Today’s Fear. A Letter form a Nonbeliever to a Priest Friend
Pagine   329 - 345
Abstract  

Nella lettera si propongono le linee di una antropo-psicologia della paura, a partire dal racconto di quella ‘mancanza’ originaria che è all’inizio della nostra tradizione religiosa; per soffermarsi poi su aspetti della sua fenomenologia nel presente mondo della vita, e su alcuni tratti della sua cultura, anche in ragione delle determinazioni della sua forma strutturale. Questo ci porta a orientare lo sguardo sullo ‘scandalo’ dei migranti e sulle questioni legate alla crisi ambientale, come luoghi forti dell’odierna paura, e sugli aspetti conflittuali che riguardano la rilevanza problematica di questi temi per la fede cristiana.

Parole chiave: antropo-psicologia della paura, fenomenologia della paura nel presente mondo della vita, fede cristiana

The letter proposes the outline of an anthropo-psychology of fear, starting from the narration of that original ‘fault’ which is at the beginning of our religious tradition; pausing to explore aspects of its phenomenology in our ordinary present life, and of some traits of its culture, also linked to its structural form. This leads us to focus our gaze on the migrants ‘scandal’ and on matters related to the environmental crisis, both focal points of today's fear, and on the conflictual aspects that concern the problematic relevance of these issues to the Christian faith.

Keywords: anthropo-psychology of fear, phenomenology of fear in everyday life, Christian faith

     
opzioni  
|
 
 
 
 
   
Andreas Gonçalves Lind SCHOEPFLIN Schoepflin L’OPZIONE PER IL «LOGOS» NEL PONTIFICATO DI FRANCESCO
L'opzione per il logos in Francesco non rappresenta soltanto l'opzione della Chiesa primitiva per la filosofia, per la ragione universale, ma anche il tentativo, da parte della stessa comunità
Europa cura te ipsam! Europa cura te ipsam! Scritti in onore di Rémi Brague “In quanto filosofo di mestiere, appartengo a quella razza di gente un po’ ottusa ‘a cui bisogna veramente spiegare tutto’, anche le cose più chiare come l’Essere, il Bene, lo Stato, l’Uomo, e qualche altra presunta evidenza. Comincerò dunque ponendomi quella che è la domanda più ingenua, la domanda socratica, ‘che cos’è?’, a proposito dell’Europa”. Così il filosofo francese Rémi Brague scriveva all’inizio del celebre lavoro Europe. La voie romaine all’incirca una trentina di anni fa, libro destinato poi a divenire un classico e ad essere tradotto in oltre quindici lingue. E l’Europa torna ad essere ancora oggi un tema discusso. Con l’occasione di questa Festschrift abbiamo proprio scelto di collocare al centro della riflessione l’Europa, ciò che significa oggi, con i suoi lati positivi e le sue criticità. Seppur questo resti il tema principale sono anche accette riflessioni in merito a differenti aspetti del suo pensiero. Questo perché tutto il pensiero di Brague nasce sempre da una realtà viva, che interroga l’uomo di oggi. Il filosofo francese si pone come un pacato interlocutore al quale sono cari tutti i dettagli. In questa collettanea ci impegniamo perciò a raccogliere scritti di studiosi che hanno incontrato il pensiero di Brague. Sono dunque accetti saggi sia che propongono una analisi del suo pensiero o di un singolo aspetto a partire dalla sua produzione, sia una rielaborazione o una critica. Il saggio può essere scritto in lingua italiana, inglese, francese o spagnola, deve contenere un breve abstract in lingua inglese, e avere una lunghezza di minimo 4.000 massimo 8.000 parole. CFP Nuovo Giornale di Filosofia della Religione Data di consegna: 1 gennaio 2021 Si invita a trasmettere il testo in .odt o .doc a: elisa.grimi@gmail.com