FILOSOFIA E TEOLOGIA
Sito ufficiale dell'Associazione Italiana per gli Studi di Filosofia e Teologia (AISFET)
 
Autore   Giovanni TIDONA
Titolo   Lo scudo di Agamennone. La paura come oblio della realtà / Agamemnon's Shield. Fear as Oblivion of Reality
Pagine   292 - 306
Abstract  

Oggetto del presente saggio è il fenomeno della paura, così come questo è stato esplicato nell’asse Aristotele-Spinoza-Heidegger e distinto da forme ad esso analoghe come angoscia, terrore, fobia, orrore, panico, ansietà, timore. A partire dal φόβος ἐκ ϕαντασίας di Aristotelee attraverso la categoria del metus in Spinoza e in seguito tramite la distinzione tra «paura» (Furcht) e «angoscia» (Angst), differenziazione che Martin Heidegger riprende da Kierkegaard e che eserciterà grande influsso anche sulla psicologia cognitiva, si effettuerà un excursus della paura come fenomeno intenzionale-rappresentativo. Del fenomeno fobico organizzato attorno all’asse φόβος/metus/Furcht si mostreranno sia la doppia logica intenzionale che le precipue modalità fenomenologico-temporali, indicando anche le condizioni del superamento di questa logica, presenti in nuce non solo nelle pieghe della storia filosofica del concetto, bensì anche in quella figura mitica del φόβος che è la rappresentazione iliadica dello scudo di Agamennone. Sarà dunque il mito, infine, a suggerire la risoluzione di problemi formulati nel linguaggio della filosofia e delle scienze umane.

Parole chiave: Paura come oblio della realtà, Aristotele, Spinoza, Heidegger, Scudo di Agamennone

The essay analyses the phenomenon of fear, as it was explained in the Aristotle-Spinoza-Heidegger axis and distinct from similar forms like terror, phobia, horror, panic, anxiety. An excursus of fear as an intentional-representative phenomenon is carried out, starting from Aristotle's φόβος ἐκ ϕαντασίας and through the category of metus in Spinoza and later through the distinction between «fear» (Furcht) and «anguish» (Angst) (a differentiation that Martin Heidegger takes from Kierkegaard and that wouldexert great influence on cognitive psychology). The intentional double logic of the phobic phenomenon organized around the φόβος/metus/Furcht axis is shown, as are the main phenomenological-temporal modesand the conditionsrequired to overcome this logic,these latter present in nuce not only in remote folds of the philosophical history of the concept but also in the mythical figure of the φόβος, which is the Iliadic representation of Agamemnon's shield. Ultimately, it is the myth that suggests the resolution of problems formulated in the language of philosophy and the human sciences.

Keywords: fear as oblivion of reality, Aristotle, Spinoza, Heidegger, Agamemnon’s shield

     
opzioni  
|
 
 
 
 
   
Andreas Gonçalves Lind SCHOEPFLIN Schoepflin L’OPZIONE PER IL «LOGOS» NEL PONTIFICATO DI FRANCESCO
L'opzione per il logos in Francesco non rappresenta soltanto l'opzione della Chiesa primitiva per la filosofia, per la ragione universale, ma anche il tentativo, da parte della stessa comunità
Europa cura te ipsam! Europa cura te ipsam! Scritti in onore di Rémi Brague “In quanto filosofo di mestiere, appartengo a quella razza di gente un po’ ottusa ‘a cui bisogna veramente spiegare tutto’, anche le cose più chiare come l’Essere, il Bene, lo Stato, l’Uomo, e qualche altra presunta evidenza. Comincerò dunque ponendomi quella che è la domanda più ingenua, la domanda socratica, ‘che cos’è?’, a proposito dell’Europa”. Così il filosofo francese Rémi Brague scriveva all’inizio del celebre lavoro Europe. La voie romaine all’incirca una trentina di anni fa, libro destinato poi a divenire un classico e ad essere tradotto in oltre quindici lingue. E l’Europa torna ad essere ancora oggi un tema discusso. Con l’occasione di questa Festschrift abbiamo proprio scelto di collocare al centro della riflessione l’Europa, ciò che significa oggi, con i suoi lati positivi e le sue criticità. Seppur questo resti il tema principale sono anche accette riflessioni in merito a differenti aspetti del suo pensiero. Questo perché tutto il pensiero di Brague nasce sempre da una realtà viva, che interroga l’uomo di oggi. Il filosofo francese si pone come un pacato interlocutore al quale sono cari tutti i dettagli. In questa collettanea ci impegniamo perciò a raccogliere scritti di studiosi che hanno incontrato il pensiero di Brague. Sono dunque accetti saggi sia che propongono una analisi del suo pensiero o di un singolo aspetto a partire dalla sua produzione, sia una rielaborazione o una critica. Il saggio può essere scritto in lingua italiana, inglese, francese o spagnola, deve contenere un breve abstract in lingua inglese, e avere una lunghezza di minimo 4.000 massimo 8.000 parole. CFP Nuovo Giornale di Filosofia della Religione Data di consegna: 1 gennaio 2021 Si invita a trasmettere il testo in .odt o .doc a: elisa.grimi@gmail.com